Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi: Alfredo Rampi, spesso noto come Little Alfredo, era un ragazzino italiano morto il 10 giugno 1981, dopo essere scivolato in un pozzo a Vermicino, un piccolo paese vicino a Frascati.

Ferdinando Rampi e Franca Rampi lo accolsero nel mondo l’11 aprile 1975, a Roma, in Italia. La sua tomba si trovava al Cimitero del Verano, Roma, Italia.

Alfredo fece cadere un pozzo artesiano alle 19:00. il 10 giugno 1981, che era estremamente stretto e profondo, misurando circa 30 centimetri di larghezza e 80 metri di profondità. Con la copertura televisiva in diretta, l’intero paese ha assistito al vano tentativo di salvarlo.

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi: Il disastro è stato il primo ad essere trasmesso in diretta televisiva, con il presidente Sandro Pertini presente sul luogo dei soccorsi. La società è stata travolta dalle proteste e ha accettato di ristabilire il collegamento quando Rai TV ha deciso di interrompere la diretta.

Il dramma ha attirato un’enorme attenzione mediatica, con una trasmissione televisiva in diretta durata 18 ore senza interruzioni. Al suo apice, la RAI, la televisione pubblica italiana, aveva 21 milioni di telespettatori.

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

I soccorritori si sono quindi riuniti alla bocca del pozzo e hanno abbassato una lampada nel tentativo infruttuoso di localizzare il bambino. Secondo la valutazione originale, il ragazzo era arenato a una profondità di 36 metri e la sua caduta era stata impedita da una curva o da una rientranza nel tunnel.

Il divario presentava un’apertura di 28 centimetri, una profondità di 80 metri e pareti irregolari e frastagliate piene di sporgenze e rientranze, rendendo estremamente difficili i tentativi di salvataggio.

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

Poiché si riteneva impossibile calarvi dentro una persona, il primo tentativo di salvataggio è consistito nell’infilare nell’apertura un’asse legata a delle funi, permettendo al bambino di aggrapparsi ad essa e sollevarla;

Tuttavia, questa decisione si rivelò un grave errore, poiché la tavoletta rimase incastrata nel pozzo a una profondità di 24 metri, ben al di sopra del bambino, e non fu più possibile rimuoverla, poiché si ruppe la corda che la teneva.

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi: Alfredino è morto all’interno del buco a una profondità di circa 60 metri dopo quasi tre giorni di operazioni di salvataggio senza successo.

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

A seguito della pronuncia di presunta morte, il magistrato competente ha disposto l’interruzione del gas refrigerante per garantire la conservazione della salma. L’11 luglio, 28 giorni dopo la morte del bambino, tre squadre di minatori hanno recuperato il corpo dalla miniera di Gavorrano.

La mancanza di organizzazione e coordinamento dei soccorsi, che rasentava l’improvvisazione, ha evidenziato la necessità di un nuovo quadro organizzativo per gestire le situazioni di emergenza.

Gli stessi genitori formarono il “Centro Alfredo Rampi” poche settimane dopo la morte del bambino. «Anche se Franca Rampi, che davanti a quelle telecamere non accettò di esporre la sua agonia, per questo motivo fu trattata duramente da una certa stampa conformista dell’epoca», spiega Daniele Biondo, psicanalista, membro dell’amministrazione del Centro .

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

Ha reagito con notevole forza al dolore: ha lanciato subito un appello alla mobilitazione di cittadini e istituzioni. Poco dopo, ha creato l’associazione a nome di suo figlio in modo che nessun’altra madre avrebbe dovuto affrontare la miseria che aveva attraversato.

È stata l’unica trasmissione in diretta di tre giorni che ha rappresentato accuratamente la situazione: incertezza, disordine, pressione psicologica sui soccorritori e un paese devastato.

“Poco dopo, ha creato l’associazione a nome di suo figlio in modo che nessun’altra madre avrebbe dovuto affrontare il dramma che aveva attraversato”, ha detto.

È stata l’unica trasmissione in diretta di tre giorni che ha rappresentato accuratamente la situazione: incertezza, disordine, pressione psicologica sui soccorritori e un paese devastato. “Poco dopo, ha creato l’associazione a nome di suo figlio in modo che nessun’altra madre avrebbe dovuto affrontare il dramma che aveva attraversato”, ha detto.

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

È stata l’unica trasmissione in diretta di tre giorni che ha rappresentato accuratamente la realtà: caos, disorganizzazione, pressione psicologica sui soccorritori e traumatizzazione del paese; era davvero una storia di realtà, mentre i programmi di realtà oggi sono solo finzione.”

La riforma della Protezione Civile è finalmente partita in Italia grazie al coraggio e all’estro di questa donna.

Ma non è tutto: dopo la morte del figlio, la signora Rampi ha generosamente fondato il “Centro Alfredo Rampi”, che da 40 anni lavora per promuovere l’importanza della cultura della prevenzione, iscrivendo centinaia di migliaia di bambine e bambini a iniziative chiave in nazione.

Il Centro Alfredo Rampi è stato in prima linea anche durante la pandemia. “Abbiamo fondato la psicologia dell’emergenza in Italia vent’anni fa, e ora – prosegue – siamo una delle quattro associazioni nazionali di psicologi che, durante il lockdown, hanno risposto ai residenti che hanno chiamato il numero verde del ministero della salute e della protezione civile”.

Genitori Di Alfredino Rampi Oggi
Genitori Di Alfredino Rampi Oggi

Hanno ricevuto 50mila telefonate. “Dalla morte di Alfredino Rampi sono successe tante cose grandiose, specialmente per onorare il quarantesimo anniversario del Centro Alfredo Rampi”.

Il tema dell’appuntamento di tutta la giornata è andare “oltre”, oltre la morte, oltre il cadere nella fossa della disperazione. Prende in prestito le parole di Eugenio Montale dal poema “Maestrale”, in cui viene descritta la quiete e la ripresa dopo una tempesta: “Sotto l’azzurro denso del cielo alcuni uccelli marini Se ne va; non si ferma mai: perché tutte le immagini recano l’iscrizione : “più avanti!”